• Ricominciare senza partner, non amare troppo, superare il panico: in gruppo

    L'Associazione Italiana di Sessuologia Clinica lancia un'interessante iniziativa: dei gruppi di auto-mutuo-aiuto, cioè gruppi formati da un nucleo di persone che condividono un problema comune di ordine emotivo a cui cercano di trovare una soluzione. Si tratta di gruppi tra pari in cui, chi ne fa parte, si pone sullo stesso piano di dignità e di ascolto degli altri membri. Questo tipo di gruppo si articola in tre fasi: la prima prevede un momento di accoglienza e sostegno, la seconda è concentrata sulla componente emotivo-affettiva e sul confronto; la terza sul raggiungimento della consapevolezza e il cambiamento diretto al rafforzamento della personalità.


    Sono attualmente in programma:

    Abbandono, separazione, lutto: ricominciare senza il partner. “Chi ha perso il partner non ha scelto di separarsi, ma subisce una realtà difficile da accettare”. Quando finisce un amore, quando c’è una separazione, un divorzio o addirittura un lutto, non è facile superare il trauma con le proprie forze. Nei casi di rottura del rapporto di coppia, spesso, chi se ne va è il più forte psichicamente poiché chi prende l’iniziativa possiede dentro di sé la forza necessaria per superare gli inevitabili disagi legati alla fine della relazione. Proprio per queste persone, l’AISC organizza gruppi di auto-mutuo-aiuto: momenti di confronto, di condivisione delle proprie emozioni e delle proprie esperienze. L’intento è quello di dare la possibilità a chi ha perso il partner di non sentirsi solo nel momento di maggior smarrimento e di “ricostruirsi” per ricostruire la propria vita. Data di inizio del gruppo: Martedì 29 novembre ore 18.00- 19,30.

    Quando si ama “troppo”: la dipendenza affettiva. Quando essere innamorati significa soffrire, quando ci si sente realizzati esclusivamente all’interno di un rapporto di coppia, quando la relazione con il proprio partner mette a repentaglio il nostro benessere emotivo la nostra salute e la nostra sicurezza, quando ci si annulla per dedicarsi completamente all’altro o si cerca ostinatamente di far cambiare il partner (naturalmente senza riuscirci), forse si sta amando “troppo”. L’AISC organizza gruppi di auto-mutuo-aiuto per chi desidera imparare ad amare in modo sano e ad accettare e amare prima di tutto se stessi, per chi vuole imparare a vivere bene prima da solo, per poter poi costruire un rapporto gratificante e sereno con il partner giusto. Data di inizio del gruppo: Giovedì 1 Dicembre ore 16.00-17,30.

    Il nemico segreto: l'attacco di panico. Perché non riesco a stare nei luoghi affollati? Come mai prendere la metro o semplicemente andare in un supermercato è diventato un problema per me? L’attacco di panico è un nemico subdolo: tachicardia, vertigini, paura di svenire, di morire, di impazzire, rendendo complicate anche le più semplici attività quotidiane, spingono a rinunciare a vivere una vita normale e libera. Chi soffre di attacchi di panico vive nella “paura di aver paura” e con la dolorosa sensazione di non essere capito e di non poter essere aiutato. L’AISC organizza gruppi di auto-mutuo-aiuto per tutti coloro che desiderano uscire da una situazione di isolamento e vergogna e riprendere il controllo della propria vita. Data di inizio del gruppo: Giovedì 1 Dicembre ore 18.00-19,30.

    Ogni gruppo di auto-mutuo-aiuto si incontra una volta alla settimana, sempre nello stesso giorno e alla stessa ora (precedentemente stabilita) per quel gruppo. Gli incontri hanno una durata di 1 ora e 1/2. Ogni gruppo è composto da 6/7 persone al massimo. I partecipanti dei gruppi possono anche intraprendere una psicoterapia individuale contemporanea al lavoro di gruppo (chiaramente non con la psicoterapeuta, conduttrice del gruppo). Non si può stabilire la durata di un gruppo ma solo la data di inizio. È possibile inserire nuovi partecipanti anche dopo svariati mesi o anni dall’inizio dell’attività di un gruppo.

    Per poter partecipare all’attività di gruppo sarà necessario fare un colloquio orientativo (gratuito) con la conduttrice dei gruppi: Mariacandida Mazzilli. I colloqui, che hanno la durata di un’ora, sono previsti nelle giornate di giovedì pomeriggio e venerdì mattina fino alla data di inizio del gruppo. In seguito potranno essere concordati, volta per volta, con ogni interessato.