Visualizza Feed RSS

Sognando Chagall

la merda

Valuta Questa Inserzione
https://www.youtube.com/watch?featur...&v=aL1NKeLqlrU







......Ma c’è soprattutto lo smarrimento di ognuno di noi, in quelle urla che trasfigurano il dolce viso di Silvia Gallerano e lo trasformano nell’urlo di Munch. Il pubblico è travolto dall‘inquietudine e dallo smarrimento. Le vene del collo si gonfiano, l’attrice vomita tutto l’insopportabile disprezzo nei confronti di un paese che non riconosce, nonostante il padre le avesse sempre parlato di quella nazione unita da omini “bassi e liberi” in camicia rossa e poi liberata da “quelli che resistevano”. La resistenza della protagonista è solo apparentemente fraintesa. All’inizio è assuefazione, abitudine. Poi si trasforma in rabbia nevrotica e ribellione interiore al limite di una alienante follia.

C’è molta Italia, nel testo, ma nessuno pensi a un monologo provinciale: “Quando siamo partiti per il Fringe festival – ci racconta la protagonista – non sapevamo come sarebbe andata e temevamo che molti avrebbero letto il testo come troppo italiano. Invece ci ha colpito il fatto che nessuno, anche nelle critiche sui giornali, ha identificato “La merda” come una storia solo italiana. Evidentemente sottolinea ed esaspera valori generali che coinvolgono tutto il mondo occidentale, a cominciare dal femminile e dall’asservimento al potere della televisione”. Nessun dubbio, poi, sulla scelta di stare sul palco completamente nuda: “E’ una suggestione che ha avuto Cristian e che io ho accettato, all’inizio senza nemmeno sapere bene per quale motivo. C’era qualcosa che mi diceva che era giusto. Poi ho trovato le mie motivazioni e mi sono data le mie risposte. Una scelta inevitabile per raccontare la vulnerabilità totale di un personaggio che si esibisce in questa maniera così mostruosa”.

E il finale non è per niente consolatorio. Lo sfogo della protagonista è segno di frustrazione e di resa ai metodi barbari della società italiana. La merda del titolo va trangugiata di nuovo, in un ciclo continuo che somiglia a un malfunzionante e puzzolente sistema di riciclaggio di rifiuti. “Finisce bene per lei – conclude la Gallerano – Non si ribella, non si oppone al sistema ma addirittura ne diventa fautrice estrema. Qualche dubbio sul lieto fine c’è stato, ma serviva qualcosa che descrivesse fino in fondo la parabola del personaggio”.

L’inno di Mameli finale, poi, cantato storpiandolo quasi come ci fosse Jimi Hendrix sul palco, è l’ultima suggestione di uno spettacolo che non delude le attese e riesce ad affrontare i temi del femminile e del suo difficile rapporto con la società contemporanea senza stereotipi stantii né parole d’ordine militanti. C’è solo un personaggio, nudo in ogni senso, che guida lo spettatore nel girone infernale della società contemporanea.


di Domenico Naso

Aggiornato il 20/03/2015 alle 19:41 da Minerva

Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Non Categorizzato

Commenti