Visualizza Feed RSS

Sognando Chagall

Yves Saint-Laurent

Valuta Questa Inserzione
Nome: yves-saint-laurent-315908.jpg
Visite: 89
Dimensione: 23.2 KBMarco Giusti per Dagospia

Yves Saint-Laurent di Jalil Lespert

I vestiti e i bozzetti sono quelli veri. Bellissimi. Non Ŕ solo storia della moda, Ŕ il 900. Da soli valgono il prezzo del biglietto. Anche i due protagonisti, Pierre Niney e Guillaume Galliene, provenienti entrambi dalla ComÚdie Franšaise, sono meravigliosi. Soprattutto Guillaume Gallienne, geniale regista e interprete di "Tutto sua madre", Ŕ incredibile come Pierre BergÚ.

Non solo compagno del genio Yves Saint-Laurent, ma spettatore, narratore, metteur en scÚne della maison d'alta moda. Sempre velato di una malinconia, come se avesse costantemente coscienza di dover ricoprire il ruolo ingrato di padre-madre-amante di un personaggio che ha deciso da subito di vivere fuori da ogni regola. Per il resto hanno un bel po' di ragione i molti critici che hanno trovato questo "Yves Saint-Laurent", diretto da Jalil Lespert, regista ma soprattutto attore del cinema francese, fu il protagonista di "Risorse umane" di Laurent Cantet, una biografia ben costruita, ben fotografata ma spesso piatta, priva di humour.
Yves Saint Laurent di Jalil Lespert

Certo, non deve essere stato facile mettere in scena la vita della coppia Yves Saint Laurent-Pierre BergÚ, avendo uno dei due diretti interessati, cioŔ Pierre BergÚ, sempre presente sul set pronto a dir la sua. Questo si vede nel film, che somiglia, soprattutto nella seconda parte, quella legata agli anni '70, a una buona fiction da prima serata. La prima parte, grazie anche a questi incredibili abiti, alla ricostruzione perfetta della maison, alla freschezza dei due attori senza trucco aggiunto e invecchiamento, Ŕ decisamente pi¨ riuscita.
Yves Saint Laurent di Jalil Lespert

Ovvio che il film che Bertrand Bonello sta finendo su Yves Saint-Laurent, fortemente osteggiato da Pierre BergÚ, sarÓ senza abiti originali, ma molto pi¨ libero di descrivere la follia del grande stilista, interpretato da Gaspard Ulliel, circondato da una banda di fuori di testa. Inoltre lý Pierre BergÚ, interpretato da JÚremie Renier, non sarÓ co-protagonista assoluto.
Pierre Niney et Guillaume Gallienne Yves Saint Laurent di Jalil Lespert

Questo rischia spesso la raccolta di figurine, soprattutto quando si tratta di descrivere le ragazze che attraversano la vita di Yves Saint-Laurent e Pierre BergÚ. La mamma di lui, Marianne Basler, la bella mannequin Victoire, Marie de Villepin, la bionda Betty, Charlotte Le Bon, la cattiva ragazza Loulou de la Faliase, Laura Smet, che introduce lo stilista alla coca.

Ma sono figurine anche il Karl Lagerfeld di Nikolai Kinski, figlio di Klaus (lo avevamo lasciato bambino nel folle "Paganini" diretto dal padre), il suo amante Jacques de Bascher, cioŔ Xavier Lafitte, che finisce a letto con Yves Saint-Laurent scatenando la reazione di Pierre BergÚ. Nel film di Bonello, ad esempio il bel Jacques sarÓ interpretato da Louis Garrel e Loulou de la Faliase da LÚa Seydox, mentre appariranno vere icone della follia degli anni '70, come Helmut Berger e Dominique Sanda. Ovvio che il film punterÓ sulla follia di Yves Saint-Laurent e del suo gruppo di amici.

Qui il viaggio verso la coca e la devianza di Yves Saint-Laurent sembra come controllata da buon Pierre che veglia sull'amico. Certo, Guillaume Galliene e Pierre Niney riescono, come possono, a costruirsi il loro film, ma spesso il teatrino della ricostruzione un po' facile vince su tutto. E la descrizione di Pierre BergÚ come fatina buona Ŕ forse un po' eccessiva. Ma gli abiti e Guillaume Galliene sono meravigliosi. In sala dal 27 marzo.
Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Non Categorizzato

Commenti