Visualizza Feed RSS

Sognando Chagall

culto della bellezza III parte

Valuta Questa Inserzione
La "donna angelica" di Dante era una donna in carne ed ossa, Beatrice. Idem la Teresa di Foscolo e la Lotte di Goethe. Quello che voglio dire è che quando i filosofi o gli scrittori vi parlano della bellezza, diffidate dal credere che essi lo fanno immaginandosi chissà quali paesaggi arcadici e mozzafiato. Certo, la bellezza della natura è importante, ma non è minimamente paragonabile alla bellezza sfuggente dell'eterno femminino. La bellezza tanto declamata nella filosofia/letteratura è incarnata da un viso di donna, da un corpo nudo formato da seni ben torniti e fianchi ondeggianti. Labbra sporgenti e rosse come un frutto maturo. Occhi azzurri come il cielo, o neri come la notte. Il resto sono solo dettagli... Questa è una bellezza che commuove, che sa catturare gli animi, infervorare le migliori penne, ispirare le più grandiose gesta. È per la bellezza di una donna, di una certa Elena, che si fece la guerra di Troia, i cui echi sopravvivono ancora oggi grazie al dettagliato resoconto che ce ne diede Omero. La bellezza è una chimera, un'utopia, che proprio come tale è destinata ad essere rincorsa invano. Dico invano perché essa subisce un destino infame: è facile preda della corruzione del tempo - sommo tiranno degli uomini -, che così come la fa sbocciare, irrefutabilmente la fa appassire.
Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Non Categorizzato

Commenti