User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Altra metafora

  1. #1
    Scemo chi legge
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    piemonte
    Messaggi
    11,693
    Inserzioni Blog
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Metafora sulla vita

    Un uomo camminava per un sentiero di campagna, quando sul margine di esso, tra l'erba, scorse qualcosa, forse un sasso, dalla forma strana:
    "E' un serpente", pensò.
    Il serpente si srotolò, scattò e lo morse a morte.
    Un altro pellegrino camminava per quel sentiero, anche lui scorse il sasso dalla forma strana:
    "E' un uccello", pensò.
    In un frullo d'ali, l'uccello volò via.

    Un automobilista restò con una gomma a terra su una strada buia e solitaria. Scese dall'auto, ma si accorse di non avere in macchina il crick. Stava per lasciarsi prendere dalla disperazione, quando vide un lumicino in lontananza: era una casa colonica.
    Si avviò a piedi in quella direzione, e intanto cominciò a rimuginare: "E se nessuno venisse ad aprire?", "E se non avessero un crick ?", "E se quel tizio non me lo volesse prestare anche se ce l'ha?".
    A ogni angosciosa domanda la sua agitazione cresceva, e quando finalmente raggiunse la casa colonica, e il contadino gli aprì, era talmente fuori di sè che gli sferrò un pugno gridando: "Tieniti pure il tuo schifoso crick!".
    Ti piaccia o no, sono i tuoi pensieri a tracciare la rotta del viaggio che si chiama vita. Se hai in mente la depressione e il fallimento, è lì che ti troverai. Se pensi di essere goffo e sgradevole, così ti comporterai. Dì ad un ragazzo che è stupido, lo diventerà

    Mi è piaciuto questo racconto e l'ho postato...
    Io penso che la nostra mente possa spesso condizionare la nostra vita.....
    Ultima modifica di lunaiena; 24/07/2012 alle 15:18

  2. #2
    utente divino L'avatar di perplesso
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    15,920
    Mentioned
    282 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    la mente non può non condizionare la nostre vite.....sia quando c'è sia quando l'abbiamo mandata in pappa

  3. #3
    Heroiken Sturmtruppen L'avatar di Quibbelqurz
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Bologna, Italy
    Messaggi
    11,888
    Inserzioni Blog
    8
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    è un brillante esempio di quanto si pensa male quando invece pensare bene o non pensare affatto sarebbe più appropriato.
    ________________________________________
    Quibbelqurz era il clone dispettoso di Admin

    Il portafogli con cui si paga la spesa affettiva non è pieno della stima che si ha per sé, ma di quella che si ha per gli altri. (Rabarbaro)

  4. #4
    zen
    Ospite
    Un grande guerriero giapponese decise di attaccare il nemico sebbene il suo esercito fosse numericamente soltanto un decimo di quello avversario. Lui era convinto che avrebbe vinto, ma i suoi soldati erano dubbiosi e intimoriti.
    Durante la marcia si fermò vicino ad un tempio e disse ai suoi uomini: "Dopo aver visitato il tempio lancerò in aria una moneta. Se viene testa vinceremo, se viene croce perderemo. Siamo nelle mani del destino".
    Il guerriero entrò nel tempio e pregò in silenzio.
    Quando uscì lanciò la moneta. Venne testa.
    I suoi soldati erano così impazienti di battersi che vinsero la battaglia senza difficoltà.
    "Nessuno può cambiare il destino", disse al guerriero un suo soldato dopo battaglia. "No davvero", rispose il guerriero, tenendo in mano la moneta che aveva testa su tutt'e due le facce!

  5. #5
    Escluso
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    vicenza
    Messaggi
    43,196
    Inserzioni Blog
    74
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da lunapiena Visualizza Messaggio
    Un uomo camminava per un sentiero di campagna, quando sul margine di esso, tra l'erba, scorse qualcosa, forse un sasso, dalla forma strana:
    "E' un serpente", pensò.
    Il serpente si srotolò, scattò e lo morse a morte.
    Un altro pellegrino camminava per quel sentiero, anche lui scorse il sasso dalla forma strana:
    "E' un uccello", pensò.
    In un frullo d'ali, l'uccello volò via.

    Un automobilista restò con una gomma a terra su una strada buia e solitaria. Scese dall'auto, ma si accorse di non avere in macchina il crick. Stava per lasciarsi prendere dalla disperazione, quando vide un lumicino in lontananza: era una casa colonica.
    Si avviò a piedi in quella direzione, e intanto cominciò a rimuginare: "E se nessuno venisse ad aprire?", "E se non avessero un crick ?", "E se quel tizio non me lo volesse prestare anche se ce l'ha?".
    A ogni angosciosa domanda la sua agitazione cresceva, e quando finalmente raggiunse la casa colonica, e il contadino gli aprì, era talmente fuori di sè che gli sferrò un pugno gridando: "Tieniti pure il tuo schifoso crick!".
    Ti piaccia o no, sono i tuoi pensieri a tracciare la rotta del viaggio che si chiama vita. Se hai in mente la depressione e il fallimento, è lì che ti troverai. Se pensi di essere goffo e sgradevole, così ti comporterai. Dì ad un ragazzo che è stupido, lo diventerà

    Mi è piaciuto questo racconto e l'ho postato...
    Io penso che la nostra mente possa spesso condizionare la nostra vita.....
    Grande...
    La mia amica numero zero faceva sempre così con me...
    Ora ho capito anche il perchè...
    E io ero sempre il contadino che cascava dalle nuvole...

    Grazie per questo racconto illuminante...
    Verrò con le cattive...

  6. #6
    Scemo chi legge
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    piemonte
    Messaggi
    11,693
    Inserzioni Blog
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    lo steccato

    C’ era una volta un ragazzino con un brutto carattere. Suo padre gli diede un sacchetto di chiodi e gli disse di piantarne uno nello steccato del giardino ogni volta che avesse perso la pazienza e litigato con qualcuno. Il primo giorno il ragazzo piantò 37 chiodi nello steccato.
    In seguito il numero di chiodi piantati nello steccato diminuì gradualmente. Aveva scoperto che era più facile controllarsi che piantare quei chiodi. Finalmente arrivò il giorno in cui il ragazzo riuscì a controllarsi completamente. Lo raccontò al padre e questi gli propose di togliere un chiodo dallo steccato per ogni giorno in cui non avesse perso la pazienza. I giorni passarono e finalmente il ragazzo fu in grado di dire al padre che aveva tolto tutti i chiodi dallo steccato.
    Il padre prese suo figlio per la mano e lo portò davanti allo steccato. Gli disse: "Ti sei comportato bene, figlio mio, ma guarda quanti buchi ci sono nello steccato. Lo steccato non sarà più quello di prima. Quando litighi con qualcuno e gli dici qualcosa di brutto, gli lasci una ferita come queste. Puoi piantare un coltello in un uomo e poi estrarlo. Non avrà importanza quante volte ti scuserai, la ferita rimarrà ancora lì. Una ferita verbale fa male quanto una fisica."

Permessi di Scrittura