User Tag List

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22

Discussione: Esclusività di un rapporto atipico

  1. #1
    Non Registrato
    Ospite

    Esclusività di un rapporto atipico

    Credo che il diritto di esclusività di un rapporto "atipico", basato sull'inganno e la menzogna, non è contemplabile razionalmente. Però è palese che se il rapporto evolve ed esiste una profondità d'affetto che lega le due persone, ci si arroga di avere qualche diritto non scritto verso l'altra persona, tra cui, l'esclusività del rapporto.
    Cercare di applicare la ragione quando il sentimento la combatte, è la cosa più difficile di tutte, poiché la base di discussione è diversa.
    Oltremodo, dare un senso ad un rapporto che, in realtà, non dovrebbe esistere, perché figlio di una colpa, è difficilmente giustificabile agli occhi di chi lo subisce passivamente.
    La verità è che un rapporto così non si sa come possa evolvere. Quando questo nasce, non si sa mai dove possa portare. Dipende dalle persone, dalle loro aspettative, dalle aspirazioni, dalla complicità che si crea e da altri molteplici fattori che possono cambiare sia nello spazio, che nel tempo.
    La verità è che quasi tutti questi rapporti sono, prima o poi, destinati a finire. In modo soave, in modo brusco, o in modo drammatico.
    Il punto di partenza è che questi non dovrebbero mai né esistere, né mai essere contemplati, perché, alla lunga, la sofferenza sarà proporzionale alla loro durata.
    Finché c'è, o meglio, si sente, si percepisce l'esclusiva di un rapporto, tutto bene. Finché si è uno e l'altro, e non esiste il pensiero che inizia a deviare verso un terzo, tutto bene. Ma quando si insinua il tarlo di una persona terza che possa scombussolarlo, esso è destinato a modificarsi, a lasciare la strada della stabilità e, di riffa o di raffa, a soccombere all’inevitabile fatalità di un rapporto cambiato, evoluto, diverso.
    La difficoltà credo sia soprattutto dovuta ad accettare che, forse, noi siamo fatti così. Non tutti riescono a conformarsi, ad accettare, a "farsi andare bene" un rapporto esclusivo. C'è sempre una parte di noi che si ribella a questa specie di "costrizione" nell'essere noi stessi. La possibilità di essere a contatto con nuove realtà che ci scombussolano il preesistente rapporto, perché suscita in noi nuove emozioni e diverse sensazioni, è molto forte. In un mondo dove la possibilità di contatto con altre persone è molto elevata, dove la maggior parte di ciò che diciamo è per iscritto, e non orale, le parole acquistano una valenza molto particolare perché rimangono impresse, e quindi, chi più, chi meno, ne siamo facilmente ammaliati. Le possiamo leggere, rileggere, e carpirne il significato più profondo (o per lo meno, quello che pensiamo esso sia); questo ci può sconvolgere e farci riflettere. Comunque ci tocca.
    Il rapporto tra persone sembra ridotto ad un semplice contatto via computer o via cellulare. Passato un certo lasso di tempo, e se la persona suscita interesse, è naturale la curiosità di incontrare colei o colui che pensiamo di conoscere totalmente dal lato caratteriale. A volte è vero, è così, a volte invece non lo è e facciamo scoperte interessanti. Se, in seguito, esiste anche attrazione, il passo successivo è noto.
    In sintesi, per tutti questi motivi, credo che l’esclusività di un rapporto di questo tipo, in cui essa si “pretenderebbe” tacitamente, non è semplice. Ciò può essere valido per molti, ma non per tutti. Mi piacerebbe conoscere i vostri pareri.
    F.

  2. #2
    Escluso
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    27,120
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    L'esclusività dipende dal sentimento. Se il sentimento non è esclusivo allora non c'è eclusività, molto semplicemente.

  3. #3
    Scemo chi legge
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    piemonte
    Messaggi
    11,693
    Inserzioni Blog
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    Credo che il diritto di esclusività di un rapporto "atipico", basato sull'inganno e la menzogna, non è contemplabile razionalmente. Però è palese che se il rapporto evolve ed esiste una profondità d'affetto che lega le due persone, ci si arroga di avere qualche diritto non scritto verso l'altra persona, tra cui, l'esclusività del rapporto.
    Cercare di applicare la ragione quando il sentimento la combatte, è la cosa più difficile di tutte, poiché la base di discussione è diversa.
    Oltremodo, dare un senso ad un rapporto che, in realtà, non dovrebbe esistere, perché figlio di una colpa, è difficilmente giustificabile agli occhi di chi lo subisce passivamente.
    La verità è che un rapporto così non si sa come possa evolvere. Quando questo nasce, non si sa mai dove possa portare. Dipende dalle persone, dalle loro aspettative, dalle aspirazioni, dalla complicità che si crea e da altri molteplici fattori che possono cambiare sia nello spazio, che nel tempo.
    La verità è che quasi tutti questi rapporti sono, prima o poi, destinati a finire. In modo soave, in modo brusco, o in modo drammatico.
    Il punto di partenza è che questi non dovrebbero mai né esistere, né mai essere contemplati, perché, alla lunga, la sofferenza sarà proporzionale alla loro durata.
    Finché c'è, o meglio, si sente, si percepisce l'esclusiva di un rapporto, tutto bene. Finché si è uno e l'altro, e non esiste il pensiero che inizia a deviare verso un terzo, tutto bene. Ma quando si insinua il tarlo di una persona terza che possa scombussolarlo, esso è destinato a modificarsi, a lasciare la strada della stabilità e, di riffa o di raffa, a soccombere all’inevitabile fatalità di un rapporto cambiato, evoluto, diverso.
    La difficoltà credo sia soprattutto dovuta ad accettare che, forse, noi siamo fatti così. Non tutti riescono a conformarsi, ad accettare, a "farsi andare bene" un rapporto esclusivo. C'è sempre una parte di noi che si ribella a questa specie di "costrizione" nell'essere noi stessi. La possibilità di essere a contatto con nuove realtà che ci scombussolano il preesistente rapporto, perché suscita in noi nuove emozioni e diverse sensazioni, è molto forte. In un mondo dove la possibilità di contatto con altre persone è molto elevata, dove la maggior parte di ciò che diciamo è per iscritto, e non orale, le parole acquistano una valenza molto particolare perché rimangono impresse, e quindi, chi più, chi meno, ne siamo facilmente ammaliati. Le possiamo leggere, rileggere, e carpirne il significato più profondo (o per lo meno, quello che pensiamo esso sia); questo ci può sconvolgere e farci riflettere. Comunque ci tocca.
    Il rapporto tra persone sembra ridotto ad un semplice contatto via computer o via cellulare. Passato un certo lasso di tempo, e se la persona suscita interesse, è naturale la curiosità di incontrare colei o colui che pensiamo di conoscere totalmente dal lato caratteriale. A volte è vero, è così, a volte invece non lo è e facciamo scoperte interessanti. Se, in seguito, esiste anche attrazione, il passo successivo è noto.
    In sintesi, per tutti questi motivi, credo che l’esclusività di un rapporto di questo tipo, in cui essa si “pretenderebbe” tacitamente, non è semplice. Ciò può essere valido per molti, ma non per tutti. Mi piacerebbe conoscere i vostri pareri.
    F.

    L'esclusività di un rapporto di questo genere è direttamente proporzionale
    all'escusività di rapporto che indenderebbe il compagno/gna ufficiale venendo a conoscenza
    di un rapporto esclusivo del suddetto con un terzo....
    Non credi?

  4. #4
    Escluso
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    28,647
    Inserzioni Blog
    42
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    Credo che il diritto di esclusività di un rapporto "atipico", basato sull'inganno e la menzogna, non è contemplabile razionalmente. Però è palese che se il rapporto evolve ed esiste una profondità d'affetto che lega le due persone, ci si arroga di avere qualche diritto non scritto verso l'altra persona, tra cui, l'esclusività del rapporto.
    Cercare di applicare la ragione quando il sentimento la combatte, è la cosa più difficile di tutte, poiché la base di discussione è diversa.
    Oltremodo, dare un senso ad un rapporto che, in realtà, non dovrebbe esistere, perché figlio di una colpa, è difficilmente giustificabile agli occhi di chi lo subisce passivamente.
    La verità è che un rapporto così non si sa come possa evolvere. Quando questo nasce, non si sa mai dove possa portare. Dipende dalle persone, dalle loro aspettative, dalle aspirazioni, dalla complicità che si crea e da altri molteplici fattori che possono cambiare sia nello spazio, che nel tempo.
    La verità è che quasi tutti questi rapporti sono, prima o poi, destinati a finire. In modo soave, in modo brusco, o in modo drammatico.
    Il punto di partenza è che questi non dovrebbero mai né esistere, né mai essere contemplati, perché, alla lunga, la sofferenza sarà proporzionale alla loro durata.
    Finché c'è, o meglio, si sente, si percepisce l'esclusiva di un rapporto, tutto bene. Finché si è uno e l'altro, e non esiste il pensiero che inizia a deviare verso un terzo, tutto bene. Ma quando si insinua il tarlo di una persona terza che possa scombussolarlo, esso è destinato a modificarsi, a lasciare la strada della stabilità e, di riffa o di raffa, a soccombere all’inevitabile fatalità di un rapporto cambiato, evoluto, diverso.
    La difficoltà credo sia soprattutto dovuta ad accettare che, forse, noi siamo fatti così. Non tutti riescono a conformarsi, ad accettare, a "farsi andare bene" un rapporto esclusivo. C'è sempre una parte di noi che si ribella a questa specie di "costrizione" nell'essere noi stessi. La possibilità di essere a contatto con nuove realtà che ci scombussolano il preesistente rapporto, perché suscita in noi nuove emozioni e diverse sensazioni, è molto forte. In un mondo dove la possibilità di contatto con altre persone è molto elevata, dove la maggior parte di ciò che diciamo è per iscritto, e non orale, le parole acquistano una valenza molto particolare perché rimangono impresse, e quindi, chi più, chi meno, ne siamo facilmente ammaliati. Le possiamo leggere, rileggere, e carpirne il significato più profondo (o per lo meno, quello che pensiamo esso sia); questo ci può sconvolgere e farci riflettere. Comunque ci tocca.
    Il rapporto tra persone sembra ridotto ad un semplice contatto via computer o via cellulare. Passato un certo lasso di tempo, e se la persona suscita interesse, è naturale la curiosità di incontrare colei o colui che pensiamo di conoscere totalmente dal lato caratteriale. A volte è vero, è così, a volte invece non lo è e facciamo scoperte interessanti. Se, in seguito, esiste anche attrazione, il passo successivo è noto.
    In sintesi, per tutti questi motivi, credo che l’esclusività di un rapporto di questo tipo, in cui essa si “pretenderebbe” tacitamente, non è semplice. Ciò può essere valido per molti, ma non per tutti. Mi piacerebbe conoscere i vostri pareri.
    F.

    Prova a riscrivere il tutto quando alla fine di un tradimento, devi ritornare alla realtà vera.
    Quando prenderai coscienza della vera realtà che ti compete e che ti somiglia sul serio e che ti identica veramente come persona. Allora quando avrai quella responsabilità che non hai avuto ne nei confronti di chi ti sta accanto, ne con te stesso, potrai avere un'idea precisa di quello che vuoi dalla vita.
    Senza bugie ne a te stesso ne agli altri.
    Oppure vivere nella maniera che più ti somiglia continuando in quello che credi.

  5. #5
    Escluso
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    3,446
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    Credo che il diritto di esclusività di un rapporto "atipico", basato sull'inganno e la menzogna, non è contemplabile razionalmente. Però è palese che se il rapporto evolve ed esiste una profondità d'affetto che lega le due persone, ci si arroga di avere qualche diritto non scritto verso l'altra persona, tra cui, l'esclusività del rapporto.
    Cercare di applicare la ragione quando il sentimento la combatte, è la cosa più difficile di tutte, poiché la base di discussione è diversa.
    Oltremodo, dare un senso ad un rapporto che, in realtà, non dovrebbe esistere, perché figlio di una colpa, è difficilmente giustificabile agli occhi di chi lo subisce passivamente.
    La verità è che un rapporto così non si sa come possa evolvere. Quando questo nasce, non si sa mai dove possa portare. Dipende dalle persone, dalle loro aspettative, dalle aspirazioni, dalla complicità che si crea e da altri molteplici fattori che possono cambiare sia nello spazio, che nel tempo.
    La verità è che quasi tutti questi rapporti sono, prima o poi, destinati a finire. In modo soave, in modo brusco, o in modo drammatico.
    Il punto di partenza è che questi non dovrebbero mai né esistere, né mai essere contemplati, perché, alla lunga, la sofferenza sarà proporzionale alla loro durata.
    Finché c'è, o meglio, si sente, si percepisce l'esclusiva di un rapporto, tutto bene. Finché si è uno e l'altro, e non esiste il pensiero che inizia a deviare verso un terzo, tutto bene. Ma quando si insinua il tarlo di una persona terza che possa scombussolarlo, esso è destinato a modificarsi, a lasciare la strada della stabilità e, di riffa o di raffa, a soccombere all’inevitabile fatalità di un rapporto cambiato, evoluto, diverso.
    La difficoltà credo sia soprattutto dovuta ad accettare che, forse, noi siamo fatti così. Non tutti riescono a conformarsi, ad accettare, a "farsi andare bene" un rapporto esclusivo. C'è sempre una parte di noi che si ribella a questa specie di "costrizione" nell'essere noi stessi. La possibilità di essere a contatto con nuove realtà che ci scombussolano il preesistente rapporto, perché suscita in noi nuove emozioni e diverse sensazioni, è molto forte. In un mondo dove la possibilità di contatto con altre persone è molto elevata, dove la maggior parte di ciò che diciamo è per iscritto, e non orale, le parole acquistano una valenza molto particolare perché rimangono impresse, e quindi, chi più, chi meno, ne siamo facilmente ammaliati. Le possiamo leggere, rileggere, e carpirne il significato più profondo (o per lo meno, quello che pensiamo esso sia); questo ci può sconvolgere e farci riflettere. Comunque ci tocca.
    Il rapporto tra persone sembra ridotto ad un semplice contatto via computer o via cellulare. Passato un certo lasso di tempo, e se la persona suscita interesse, è naturale la curiosità di incontrare colei o colui che pensiamo di conoscere totalmente dal lato caratteriale. A volte è vero, è così, a volte invece non lo è e facciamo scoperte interessanti. Se, in seguito, esiste anche attrazione, il passo successivo è noto.
    In sintesi, per tutti questi motivi, credo che l’esclusività di un rapporto di questo tipo, in cui essa si “pretenderebbe” tacitamente, non è semplice. Ciò può essere valido per molti, ma non per tutti. Mi piacerebbe conoscere i vostri pareri.
    F.
    Fantastica quest'estetica dell'eroe anticonformista!
    E dico estetica perchè essa, a differenza dell'etica, riguarda la formalità più che la forma e l'apparenza più che l'appartenenza.
    L'esclusività è un invito recapitato da un postino che suona una volta soltanto se il rapporto non è altro che l'esigua mescolanza di un approfondimento non ancora concluso e di un saggio alla fiamma che non abbia ancora carbonizzato il campioncino sul bunsen.
    L'unica esclusività in una tresca di natura ammbigua e protratta nel tempo è la menzogna al legittimo.
    Egli è il satrapo delle attenzioni e delle cure, l'unico verso il quale il traditore abbia un vero riguardo ed interesse, perchè è l'unico il cui giudizio abbia importanza.
    In questo senso, la mendacità faticosa e l'organizzazione raffinata sono asservite, in una giusta proporzionalità fra sforzi e valore, solo al legittimo.
    L'altro trescante, pur sentendosi oggetto di piedistallosa attenzione, altri non è che il servo del servo ed il più umile cameriere di un tavolo al quale non mangerà mai e sul quale neppure avrà mai il privilegio di portare le complicate pietanze che faticosamente ha preparato di nascosto.
    I tempi centellinati, gli incastri arditi e le macchinazioni più cerebrali altri non sono che doni offerti dall'illegittimo al legittimo, non tanto per farlo felice, non sia mai, ma per farlo essere meno triste, aggiungendo quindi un senso di ingratitudine subita ed inappagamento costante sfibranti nel lungo periodo.
    Con questa modalità si esplica quel quid che solum è dell'illegittimo, l'esclusività delle fatiche non riconosciute, se non per trasposta persona, per beneficare chi si dovrebbe detestare al solo scopo di mantenere lontano, per la maggior parte del tempo, chi si vorrebbe sempre con sè.
    Nel difficile mondo in cui le uova governano le galline succede anche questo.

  6. #6
    Escluso
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    27,120
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da lunapiena Visualizza Messaggio
    L'esclusività di un rapporto di questo genere è direttamente proporzionale
    all'escusività di rapporto che indenderebbe il compagno/gna ufficiale venendo a conoscenza
    di un rapporto esclusivo del suddetto con un terzo....
    Non credi?
    Eh?

  7. #7
    Utente Affezionato
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    197
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Rabarbaro Visualizza Messaggio
    Fantastica quest'estetica dell'eroe anticonformista!
    E dico estetica perchè essa, a differenza dell'etica, riguarda la formalità più che la forma e l'apparenza più che l'appartenenza.
    L'esclusività è un invito recapitato da un postino che suona una volta soltanto se il rapporto non è altro che l'esigua mescolanza di un approfondimento non ancora concluso e di un saggio alla fiamma che non abbia ancora carbonizzato il campioncino sul bunsen.
    L'unica esclusività in una tresca di natura ammbigua e protratta nel tempo è la menzogna al legittimo.
    Egli è il satrapo delle attenzioni e delle cure, l'unico verso il quale il traditore abbia un vero riguardo ed interesse, perchè è l'unico il cui giudizio abbia importanza.
    In questo senso, la mendacità faticosa e l'organizzazione raffinata sono asservite, in una giusta proporzionalità fra sforzi e valore, solo al legittimo.
    L'altro trescante, pur sentendosi oggetto di piedistallosa attenzione, altri non è che il servo del servo ed il più umile cameriere di un tavolo al quale non mangerà mai e sul quale neppure avrà mai il privilegio di portare le complicate pietanze che faticosamente ha preparato di nascosto.
    I tempi centellinati, gli incastri arditi e le macchinazioni più cerebrali altri non sono che doni offerti dall'illegittimo al legittimo, non tanto per farlo felice, non sia mai, ma per farlo essere meno triste, aggiungendo quindi un senso di ingratitudine subita ed inappagamento costante sfibranti nel lungo periodo.
    Con questa modalità si esplica quel quid che solum è dell'illegittimo, l'esclusività delle fatiche non riconosciute, se non per trasposta persona, per beneficare chi si dovrebbe detestare al solo scopo di mantenere lontano, per la maggior parte del tempo, chi si vorrebbe sempre con sè.
    Nel difficile mondo in cui le uova governano le galline succede anche questo.

    In prima istanza avevo apprezzato l'eloquio...successivamente ho dovuto ingoiare del maalox per evitare di digerirmi lo stomaco annodato su se stesso.
    Perchè ancora nel terzo millennio, e con una cultura accademica che evidentemente non manca, non riusciamo a ragionare se non per categorie, come farebbe il più ingenuo dei bambini?
    Perchè cerchiamo sempre di trovare risposte a priori per enigmi ed interrogativi che forse un giorno incontreremo, quando invece la cosa migliore è sempre analizzare il problema quando e se si presenta? Sono d'accordo sul fatto che ovviamente la prevenzione è la cosa migliore, quando si può applicare; ma un essere umano è un po' più complesso di un batterio. Impossibile cercare di includere le cause del suo comportamento in un insieme chiuso, definito e limitato.
    Detto ciò, semplicemente non sono d'accordo su nulla di ciò che è stato detto.
    Il legittimo non è sempre frustrato o depresso, l'illegittimo non è detto che sia a sua volta inadeguato sotto qualunque punto di vista...e via di seguito.
    Siamo esseri umani, non siamo elementi di una statistica, come la vita moderna insiste nel farci credere.

  8. #8
    Scemo chi legge
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    piemonte
    Messaggi
    11,693
    Inserzioni Blog
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Joey Blow Visualizza Messaggio
    Eh?
    Mi sembrava un concetto chiarissimo

  9. #9
    WWF
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    31,101
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da KaiserSoze Visualizza Messaggio
    In prima istanza avevo apprezzato l'eloquio...successivamente ho dovuto ingoiare del maalox per evitare di digerirmi lo stomaco annodato su se stesso.
    Perchè ancora nel terzo millennio, e con una cultura accademica che evidentemente non manca, non riusciamo a ragionare se non per categorie, come farebbe il più ingenuo dei bambini?
    Perchè cerchiamo sempre di trovare risposte a priori per enigmi ed interrogativi che forse un giorno incontreremo, quando invece la cosa migliore è sempre analizzare il problema quando e se si presenta? Sono d'accordo sul fatto che ovviamente la prevenzione è la cosa migliore, quando si può applicare; ma un essere umano è un po' più complesso di un batterio. Impossibile cercare di includere le cause del suo comportamento in un insieme chiuso, definito e limitato.
    Detto ciò, semplicemente non sono d'accordo su nulla di ciò che è stato detto.
    Il legittimo non è sempre frustrato o depresso, l'illegittimo non è detto che sia a sua volta inadeguato sotto qualunque punto di vista...e via di seguito.
    Siamo esseri umani, non siamo elementi di una statistica, come la vita moderna insiste nel farci credere.

    vabbè ma anche te ieri m'hai fatto le statistiche

    ciaooooo

  10. #10
    utente divino
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    16,092
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    " la maggior parte di ciò che diciamo è per iscritto, e non orale"


    fb, chat, sms e robe così?
    oddio non è proprio il mio caso...forse è per questo motivo che, per me, le parole sbiadiscono di fronte ai fatti
    alcuni fatti, invece, possono certamente ammaliare, secondo me
    Ultima modifica di free; 02/10/2012 alle 16:09

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura