User Tag List

Pagina 1 di 10 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 95

Discussione: Nuova arrivata, non so più cosa voglio

  1. #1
    Utente Esperto L'avatar di MillePensieri
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,996
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Nuova arrivata, non so più cosa voglio

    Allora...è dura scrivere come mi sento...in parole povere sono stata tradita dal mio compagno.


    Fa male perchè pensavo sinceramente che le cose stessero andando bene.
    Ho sempre avuto scarsa fiducia nei rapporti duraturi, non mi sono mai impegnata a lungo e poi è arrivato lui. Sei anni insieme.
    Intesa, dialogo, sesso e amore, una quotidianità vissuta senza sentirmi in gabbia! L'idea di avere un figlio! Sparito tutto.
    Un anno fa ha una buona occasione sul lavoro, ne parliamo. Lo sostengo.
    Si prevede un lungo periodo di stress, orari strani e poco tempo a casa.
    E infatti ci avviamo verso mesi di discussioni, suoi crolli nervosi e difficoltà.
    Serate passate a consolarlo, altre di litigi, altre ancora normali.


    Finalmente si torna a respirare dopo quasi sette mesi davvero tosti, ma c'è qualcosa di diverso, percepisco ansia e nervosismo.
    Con la primavera ricominciano i miei brevi viaggi di lavoro, lui è tesissimo come se fosse la prima volta. Cavolo, perchè?


    Perchè c'è un'altra, stupida io a non capirlo subito.
    Chissà che feste in mia assenza. Incontri senza alibi.
    Piacevoli evasioni dalla monotonia perchè ogni lasciata è persa, un momento personale e poi a casa, nessuna fretta.

    Che palle organizzarsi per non destare sospetti, un ritorno a quei mesi in cui ogni orario era lecito.
    Perchè è allora che è cominciato tutto.

    I suoi cambiamenti? Solo stress. Anche 14 ore di lavoro al giorno povero, è un periodo. Tutto passa.
    Ma dopo?
    La mia prima reazione è stata di disgusto verso i miei sospetti, la sola idea di frugare tra le sue cose un abominio.
    Alla fine mi sono stufata dell'incertezza e ho fatto la cosa più banale possibile, ho preso il suo cellulare in mano e ho guardato i messaggi.
    Perchè tenerli? Per sospirare rileggendoli?


    Uno sfogo...si. Ma stavo già pensando al pancione e alla cameretta del bimbo. Volevo dipingerla io. Veder sfumare tutto mi ha distrutta. Essere mamma, con lui al mio fianco. Patetica.


    Ho vomitato e pianto, non stavo così male da anni, da quando i miei hanno cominciato a scannarsi per i tradimenti reciproci.
    Delusa, impotente e piena di rabbia come allora. Lui ha ammesso quasi subito, bello togliersi un peso.
    Quella sera il mio uomo pieno di vita è sparito, è cominciata la convivenza con uno zombie.


    Giugno un inferno. Lui muto, puntualissimo, ordinatissimo.
    Sempre in piedi al mio passaggio. In silenzio e sull'attenti.
    "ho fatto una cazzata"
    "faccio schifo"
    "ho provato a chiudere"
    "ti prego perdonami"
    Non mi da un perchè, non mi incolpa, non mi dice quante volte è successo.
    So solo che è stato con una collega. Durante quei mesi in cui sostenerlo mi sembrava naturale. E anche dopo, più raramente, quando ero via.
    Non mi rivela altro.
    Ci è scivolato sopra? E' cominciata per caso? Capita?
    Perchè il sesso fatto tanto per godere lo concepisco, è stato il mio modo di vivere con quasi tutti i miei compagni di letto.
    Al massimo c'era sintonia, solo con un altro qualcosa di più. Il resto avventure. Finito il brivido, tanti saluti, nessun dramma.
    Amici e amiche fedeli (o presunti tali) mi incitano ad organizzare un rogo. Essere sostenuta così non aiuta.
    Chi ammette sbandate mi suggerisce il dialogo per capire se è finita. La telepatia forse.
    E lui niente, tace. Eppure non gli salto alla gola, lo prego di dirmi tutto, di darmi una motivazione.


    Luglio va meglio. Mi rompo le palle. La sua presenza silenziosa mi irrita, gli chiedo di andarsene.
    Lo fa, dopo qualche giorno va dai suoi. Cambio le serrature.
    Decido di staccare completamente, mi pago le ferie con gli strumenti del mestiere in spalla.
    Parto con una collega per assistere a dei concerti, ritrovo dei vecchi amici, mi riprendo un po', lavoro in viaggio.


    Adesso...ultimi giorni di agosto. Lui a quanto pare passa il tempo ingrassando di fronte alla tv.
    Anche se sua madre deve averlo detto in maniera diversa, forse.
    Ci rivedremo a fine settembre.
    Contatti telefonici ridotti all'essenziale.

    Gli ho dato tempo per pensare. Per capire cosa vuole. Lo stesso per me.


    La fedeltà...è una cosa che sento davvero, secondo il mio pensiero ha senso di esistere, nonostante le mie esperienze fin dall'infanzia.
    Non gli ho mai chiesto di stare con me per sempre, solo di essere onesto.
    Essere tradita dopo averci creduto tanto fa male. Tradire per vendetta non mi attira, rinnegherei me stessa.
    La vita è una sola e sono contenta di chi vedo allo specchio, non mi sento sminuita o umiliata.


    Eppure passo le giornate divorata dal dubbio e scoppio a piangere a caso.
    L'uomo prima del tradimento mi ha resa davvero felice, come nessun altro prima. E' ancora lì? Può tornare? Lo rivoglio?
    Perchè tradirmi? Per amore? Perchè sono scheletrica e senza tette? Per noia? Perchè gli manca qualcosa?
    E' la prima volta che succede? Gli altri anni insieme sono come li ricordo io? Condivisi felicemente?
    Voglio delle risposte da lui, voglio capire se ha senso pensare ancora ad un noi.
    Se dovessi decidere in questo istante, non riuscirei a ricominciare. Non c'è fiducia.
    Non lo so. Stamattina vedevo uno spiraglio per creare un nuovo rapporto, diverso. Forse è solo paura di restare da sola.


    L'autocommiserazione e le altalene emotive fanno schifo.


    Avrei voluto evitare di sfogarmi, ma questo è il meglio che sono riuscita a tirare fuori.
    E scrivo peggio di un cane lo so, scusatemi, ma non buttavo giù un tema da una vita.

  2. #2
    Egocentrica non in incognito L'avatar di Tebe
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    20,057
    Inserzioni Blog
    564
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    sei ancora a botta calda, nonostante tutto sia esploso a giugno.
    Dovete parlare. Devi fargli tutte le domande che vuoi e lui deve rispondere.
    Se tu senti l'esigenza di parlare lui deve ascoltare

    Credo che dopo questo tempo, anche se a te sembrano minuti, dovete assolutamente vedervi.
    Non può parlare con te, non può dirti delle cose se fa il lobotomizzato davanti alla tv, non credi?

    Non sai ancora perchè ti ha tradita mi sembra di capire.

  3. #3
    Zod
    Ospite
    Non siete sposati, non avete figli, what's the problem?

    Lo ami abbastanza da perdonarlo? Puoi tornare a fidarti? Ne vale la pena?

    No.

    Calcione in culo e via ...

    S*B



    Citazione Originariamente Scritto da MillePensieri Visualizza Messaggio
    Allora...è dura scrivere come mi sento...in parole povere sono stata tradita dal mio compagno.


    Fa male perchè pensavo sinceramente che le cose stessero andando bene.
    Ho sempre avuto scarsa fiducia nei rapporti duraturi, non mi sono mai impegnata a lungo e poi è arrivato lui. Sei anni insieme.
    Intesa, dialogo, sesso e amore, una quotidianità vissuta senza sentirmi in gabbia! L'idea di avere un figlio! Sparito tutto.
    Un anno fa ha una buona occasione sul lavoro, ne parliamo. Lo sostengo.
    Si prevede un lungo periodo di stress, orari strani e poco tempo a casa.
    E infatti ci avviamo verso mesi di discussioni, suoi crolli nervosi e difficoltà.
    Serate passate a consolarlo, altre di litigi, altre ancora normali.


    Finalmente si torna a respirare dopo quasi sette mesi davvero tosti, ma c'è qualcosa di diverso, percepisco ansia e nervosismo.
    Con la primavera ricominciano i miei brevi viaggi di lavoro, lui è tesissimo come se fosse la prima volta. Cavolo, perchè?


    Perchè c'è un'altra, stupida io a non capirlo subito.
    Chissà che feste in mia assenza. Incontri senza alibi.
    Piacevoli evasioni dalla monotonia perchè ogni lasciata è persa, un momento personale e poi a casa, nessuna fretta.

    Che palle organizzarsi per non destare sospetti, un ritorno a quei mesi in cui ogni orario era lecito.
    Perchè è allora che è cominciato tutto.

    I suoi cambiamenti? Solo stress. Anche 14 ore di lavoro al giorno povero, è un periodo. Tutto passa.
    Ma dopo?
    La mia prima reazione è stata di disgusto verso i miei sospetti, la sola idea di frugare tra le sue cose un abominio.
    Alla fine mi sono stufata dell'incertezza e ho fatto la cosa più banale possibile, ho preso il suo cellulare in mano e ho guardato i messaggi.
    Perchè tenerli? Per sospirare rileggendoli?


    Uno sfogo...si. Ma stavo già pensando al pancione e alla cameretta del bimbo. Volevo dipingerla io. Veder sfumare tutto mi ha distrutta. Essere mamma, con lui al mio fianco. Patetica.


    Ho vomitato e pianto, non stavo così male da anni, da quando i miei hanno cominciato a scannarsi per i tradimenti reciproci.
    Delusa, impotente e piena di rabbia come allora. Lui ha ammesso quasi subito, bello togliersi un peso.
    Quella sera il mio uomo pieno di vita è sparito, è cominciata la convivenza con uno zombie.


    Giugno un inferno. Lui muto, puntualissimo, ordinatissimo.
    Sempre in piedi al mio passaggio. In silenzio e sull'attenti.
    "ho fatto una cazzata"
    "faccio schifo"
    "ho provato a chiudere"
    "ti prego perdonami"
    Non mi da un perchè, non mi incolpa, non mi dice quante volte è successo.
    So solo che è stato con una collega. Durante quei mesi in cui sostenerlo mi sembrava naturale. E anche dopo, più raramente, quando ero via.
    Non mi rivela altro.
    Ci è scivolato sopra? E' cominciata per caso? Capita?
    Perchè il sesso fatto tanto per godere lo concepisco, è stato il mio modo di vivere con quasi tutti i miei compagni di letto.
    Al massimo c'era sintonia, solo con un altro qualcosa di più. Il resto avventure. Finito il brivido, tanti saluti, nessun dramma.
    Amici e amiche fedeli (o presunti tali) mi incitano ad organizzare un rogo. Essere sostenuta così non aiuta.
    Chi ammette sbandate mi suggerisce il dialogo per capire se è finita. La telepatia forse.
    E lui niente, tace. Eppure non gli salto alla gola, lo prego di dirmi tutto, di darmi una motivazione.


    Luglio va meglio. Mi rompo le palle. La sua presenza silenziosa mi irrita, gli chiedo di andarsene.
    Lo fa, dopo qualche giorno va dai suoi. Cambio le serrature.
    Decido di staccare completamente, mi pago le ferie con gli strumenti del mestiere in spalla.
    Parto con una collega per assistere a dei concerti, ritrovo dei vecchi amici, mi riprendo un po', lavoro in viaggio.


    Adesso...ultimi giorni di agosto. Lui a quanto pare passa il tempo ingrassando di fronte alla tv.
    Anche se sua madre deve averlo detto in maniera diversa, forse.
    Ci rivedremo a fine settembre.
    Contatti telefonici ridotti all'essenziale.

    Gli ho dato tempo per pensare. Per capire cosa vuole. Lo stesso per me.


    La fedeltà...è una cosa che sento davvero, secondo il mio pensiero ha senso di esistere, nonostante le mie esperienze fin dall'infanzia.
    Non gli ho mai chiesto di stare con me per sempre, solo di essere onesto.
    Essere tradita dopo averci creduto tanto fa male. Tradire per vendetta non mi attira, rinnegherei me stessa.
    La vita è una sola e sono contenta di chi vedo allo specchio, non mi sento sminuita o umiliata.


    Eppure passo le giornate divorata dal dubbio e scoppio a piangere a caso.
    L'uomo prima del tradimento mi ha resa davvero felice, come nessun altro prima. E' ancora lì? Può tornare? Lo rivoglio?
    Perchè tradirmi? Per amore? Perchè sono scheletrica e senza tette? Per noia? Perchè gli manca qualcosa?
    E' la prima volta che succede? Gli altri anni insieme sono come li ricordo io? Condivisi felicemente?
    Voglio delle risposte da lui, voglio capire se ha senso pensare ancora ad un noi.
    Se dovessi decidere in questo istante, non riuscirei a ricominciare. Non c'è fiducia.
    Non lo so. Stamattina vedevo uno spiraglio per creare un nuovo rapporto, diverso. Forse è solo paura di restare da sola.


    L'autocommiserazione e le altalene emotive fanno schifo.


    Avrei voluto evitare di sfogarmi, ma questo è il meglio che sono riuscita a tirare fuori.
    E scrivo peggio di un cane lo so, scusatemi, ma non buttavo giù un tema da una vita.

  4. #4
    Utente Esperto L'avatar di MillePensieri
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,996
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Tebe Visualizza Messaggio
    sei ancora a botta calda, nonostante tutto sia esploso a giugno.
    Dovete parlare. Devi fargli tutte le domande che vuoi e lui deve rispondere.
    Se tu senti l'esigenza di parlare lui deve ascoltare

    Credo che dopo questo tempo, anche se a te sembrano minuti, dovete assolutamente vedervi.
    Non può parlare con te, non può dirti delle cose se fa il lobotomizzato davanti alla tv, non credi?

    Non sai ancora perchè ti ha tradita mi sembra di capire.
    Si, non è ancora passata.
    Il problema è che non ne parla, non vuole.
    Sono arrivata a supplicarlo, ma lui riesce solo a piangere o ad emettere monosillabi.
    Se non si apre non posso capire cosa fare, per questo l'ho mandato via, lontano a schiarirsi le idee.
    Averlo intorno è terribile.

    E no, non so so ancora perchè mi abbia tradito. Resta un mistero fastidioso da sopportare.
    Ultima modifica di MillePensieri; 19/08/2012 alle 15:31

  5. #5
    Utente Esperto L'avatar di MillePensieri
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,996
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Zod Visualizza Messaggio
    Non siete sposati, non avete figli, what's the problem?

    Lo ami abbastanza da perdonarlo? Puoi tornare a fidarti? Ne vale la pena?

    No.

    Calcione in culo e via ...

    S*B
    Guarda, non lo so. E' l'unica persona con cui ho pensato ad un futuro.
    In certi momenti ti darei ragione e gli spaccherei i denti.

    Poi scoppio a piangere all'improvviso e mi sento di nuovo come la prima sera. Forse solo un po' meglio ecco.
    Non so, c'è chi dice che tradire è umano, è vero. Se ho già visto il suo lato peggiore posso pensare ad un nuovo inizio?

  6. #6
    noreg
    Ospite
    scrivi benissimo e lo sai.
    hai sostanza da vendere. sai anche questo.

    lui adesso ha paura.
    è un paradosso: sei tu che devi aiutare lui.
    se vuoi.

  7. #7
    Utente Esperto L'avatar di MillePensieri
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,996
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da noreg Visualizza Messaggio
    scrivi benissimo e lo sai.
    hai sostanza da vendere. sai anche questo.

    lui adesso ha paura.
    è un paradosso: sei tu che devi aiutare lui.
    se vuoi.

    Non lo so...mi sembra di aver scritto cose banali, di essermi lagnata.

    Mi sento meglio per aver condiviso tutto, ma anche peggio.
    Sto male ma qui c'è gente che ha sopportato prove più difficili. Mi sento come una bambina che vuole ricevere un po' di attenzione.

    E...ho davvero provato a parlare con lui, non si vuole aprire, non mi dice niente.
    Non mi da un appiglio per essere aiutato! Forse semplicemente non gli interessa.

  8. #8
    Egocentrica non in incognito L'avatar di Tebe
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    20,057
    Inserzioni Blog
    564
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da MillePensieri Visualizza Messaggio
    Si, non è ancora passata.
    Il problema è che non ne parla, non vuole.
    Sono arrivata a supplicarlo, ma lui riesce solo a piangere o ad emettere monosillabi.
    Se non si apre non posso capire cosa fare, per questo l'ho mandato via, lontano a schiarirsi le idee.
    Averlo intorno è terribile.

    E no, non so so ancora perchè mi abbia tradito. Resta un mistero fastidioso da sopportare.
    Tu che lo conosci, perchè credi non ne voglia parlare?
    Perchè è confuso tra te e lei, ma non mi sembra.
    Perchè si vergogna?
    Ecco.
    Si vergogna secondo me.

    No...dovete parlare. Devo costringerlo con le cattive.
    Non potete andare avanti così.
    Siete già morta come coppia se non parlate.
    Per me è stato basilare parlarne dopo per capire.
    E il mio lui pur vergognandosi di quello che aveva fatti, parlava.

    Il tyuo compagno non è un traditore quindi davvero credo si stia vergognando e interrogando.
    Ma non può fare tutto da solo.
    Come nemmeno tu.


    Ripeto. Devi costringerlo a parlare

  9. #9
    Egocentrica non in incognito L'avatar di Tebe
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    20,057
    Inserzioni Blog
    564
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da MillePensieri Visualizza Messaggio
    Non lo so...mi sembra di aver scritto cose banali, di essermi lagnata.

    Mi sento meglio per aver condiviso tutto, ma anche peggio.
    Sto male ma qui c'è gente che ha sopportato prove più difficili. Mi sento come una bambina che vuole ricevere un po' di attenzione.

    E...ho davvero provato a parlare con lui, non si vuole aprire, non mi dice niente.
    Non mi da un appiglio per essere aiutato! Forse semplicemente non gli interessa.

    gli interessa eccome. Sta come i pazzi. ha ragione noreg.
    Devi tu aiutare lui.

    Lui non ci sta dentro per niente.

  10. #10
    Noreg
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da MillePensieri Visualizza Messaggio
    Non lo so...mi sembra di aver scritto cose banali, di essermi lagnata.

    Mi sento meglio per aver condiviso tutto, ma anche peggio.
    Sto male ma qui c'è gente che ha sopportato prove più difficili. Mi sento come una bambina che vuole ricevere un po' di attenzione.

    E...ho davvero provato a parlare con lui, non si vuole aprire, non mi dice niente.
    Non mi da un appiglio per essere aiutato! Forse semplicemente non gli interessa.

    quale appiglio vorresti?
    quale ti potrebbe bastare?

Pagina 1 di 10 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura