User Tag List

Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 52

Discussione: L'amico onestone

  1. #1
    discantato
    Ospite

    L'amico onestone

    Piccolo riassunto della mia storia: ormai quasi sei anni fa, mentre lei è incinta, ho una tentazione che è valsa come un tradimento. Segue una prematura e avventata riconciliazione, nasce la bimba e le cose vanno avanti, deteriorandosi, per un pò. Ci trasferiamo e le cose peggiorano, il rancore e la mia stupidità se la mangiano dall'interno fino a quando arriva il di lei tradimento. Non dura molto (causa anche la distanza) ma la porta a mettere una pietra sul nostro rapporto. Io, come sempre in questi casi, comprendo una tonnellata di errori fatti ma ormai fuori tempo massimo. Per un pò lei resta nella mia stessa città trovandosi un toyboy.Questo ormai due anni e mezzo fa. Un anno dopo, concausa il lavoro, torna nella sua città con la bimba che fino a quel momento, pur in case diverse, abbiamo continuato a seguire equamente. Io, non potendomi ritrasferire su due piedi, per un anno faccio su e giù. Negli ultimi sei mesi riprovo a ricomporre con più decisione, salgo a pasqua e quindi un mese dopo il compleanno della bimba. In tutto questo marasma trovo appoggio e conforto da un amico (quelli che ti ascoltano, consigliano, vacanze insieme etc...) ma quest'ultima volta sono ospite a casa della mamma dove c'è anche il mio amico che momentaneamente sta senza casa. Due giorni dopo il mio arrivo lui mi dice che "si è innamorato" e che da un po è intimo con la di me ex (mentre lei continua a ripetere che non si sente in grado di legarsi con nessuno) e comincia a straparlare su mia figlia. Mando giù il rospo, organizzo la festa con la mamma tentando di non scompensare troppo quindi vado ospite da altri amici. A lui chiedo di lasciarmi stare e, soprattutto di evitare di parlare a cazzo di mia figlia. Lui però continua a cercarmi e straparlare fino a quando sbrocco e ci meniamo. Li per li sembriamo esserci capiti, io qui e tu li. Adesso sono tornato con mia figlia alla mia città dove passeremo le vacanze. Io mi sto preparando a trasferirmi per l'inverno nella stessa loro città avendo capito che il padre è un impegno a tempo pieno. Con lei quindi ho ridotto e focalizzato il rapporto su nostra figlia e, tutto sommato, come si dice qui, non mi capita troppo spesso di andare in embolo. Lui invece mi sta facendo ammattire, continua a cercarmi come se nulla fosse successo. Se chiedo spiegazioni mi risponde che tanto "stavo già bevendo il calice amaro" e se mi permetto di dire che ogni azione ha la sua conseguenza quindi di andarsene affanculo si risente, salvo poi tornare alla carica due giorni dopo. Ieri l'ultima.

    Ora il problema è questo: continuando di questo passo corro il serio rischio di odiarlo ma se il suddetto giuda diventa il compagno fisso della mamma di mia figlia trovo inopportuno e problematico arrivare a desiderare una sua invalidità grave e permanente. come vi comportereste voi? Fra i lettori c'è qualche amico traditore che mi può aiutare a capire?

  2. #2
    Utente Figo L'avatar di ferita
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da discantato Visualizza Messaggio
    Piccolo riassunto della mia storia: ormai quasi sei anni fa, mentre lei è incinta, ho una tentazione che è valsa come un tradimento. Segue una prematura e avventata riconciliazione, nasce la bimba e le cose vanno avanti, deteriorandosi, per un pò. Ci trasferiamo e le cose peggiorano, il rancore e la mia stupidità se la mangiano dall'interno fino a quando arriva il di lei tradimento. Non dura molto (causa anche la distanza) ma la porta a mettere una pietra sul nostro rapporto. Io, come sempre in questi casi, comprendo una tonnellata di errori fatti ma ormai fuori tempo massimo. Per un pò lei resta nella mia stessa città trovandosi un toyboy.Questo ormai due anni e mezzo fa. Un anno dopo, concausa il lavoro, torna nella sua città con la bimba che fino a quel momento, pur in case diverse, abbiamo continuato a seguire equamente. Io, non potendomi ritrasferire su due piedi, per un anno faccio su e giù. Negli ultimi sei mesi riprovo a ricomporre con più decisione, salgo a pasqua e quindi un mese dopo il compleanno della bimba. In tutto questo marasma trovo appoggio e conforto da un amico (quelli che ti ascoltano, consigliano, vacanze insieme etc...) ma quest'ultima volta sono ospite a casa della mamma dove c'è anche il mio amico che momentaneamente sta senza casa. Due giorni dopo il mio arrivo lui mi dice che "si è innamorato" e che da un po è intimo con la di me ex (mentre lei continua a ripetere che non si sente in grado di legarsi con nessuno) e comincia a straparlare su mia figlia. Mando giù il rospo, organizzo la festa con la mamma tentando di non scompensare troppo quindi vado ospite da altri amici. A lui chiedo di lasciarmi stare e, soprattutto di evitare di parlare a cazzo di mia figlia. Lui però continua a cercarmi e straparlare fino a quando sbrocco e ci meniamo. Li per li sembriamo esserci capiti, io qui e tu li. Adesso sono tornato con mia figlia alla mia città dove passeremo le vacanze. Io mi sto preparando a trasferirmi per l'inverno nella stessa loro città avendo capito che il padre è un impegno a tempo pieno. Con lei quindi ho ridotto e focalizzato il rapporto su nostra figlia e, tutto sommato, come si dice qui, non mi capita troppo spesso di andare in embolo. Lui invece mi sta facendo ammattire, continua a cercarmi come se nulla fosse successo. Se chiedo spiegazioni mi risponde che tanto "stavo già bevendo il calice amaro" e se mi permetto di dire che ogni azione ha la sua conseguenza quindi di andarsene affanculo si risente, salvo poi tornare alla carica due giorni dopo. Ieri l'ultima.

    Ora il problema è questo: continuando di questo passo corro il serio rischio di odiarlo ma se il suddetto giuda diventa il compagno fisso della mamma di mia figlia trovo inopportuno e problematico arrivare a desiderare una sua invalidità grave e permanente. come vi comportereste voi? Fra i lettori c'è qualche amico traditore che mi può aiutare a capire?

    Ciao, la tua storia è molto complicata, non tanto dal susseguirsi degli avvenimenti in soli due anni, ma soprattutto dalla girandola di sentimenti che ruota intorno al contesto stesso.
    Una cosa non mi è chiara: cosa dice il tuo "amico" nonchè "quasi compagno" della tua ex moglie di tua figlia?

  3. #3
    Utente orsacchiottiforme L'avatar di Daniele
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    8,898
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Dire chiaramente alla madre di tua figlia che quell'amico sta divertendosi a farti del male come padre con questa "onestà" fino alla fine, straparlando di vostra figlia, cosa che non deve permettersi di fare. Due opportunità o se ne starà al suo posto oppure è il caso che lei non lo frequenti più se deve fare lo stronzo con il padre della sua figlia, non vedo alternative.

  4. #4
    utente divino L'avatar di perplesso
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    15,899
    Mentioned
    282 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Nel dubbio rimenalo finchè non capisce quale ruolo sia il suo

  5. #5
    Escluso
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    27,120
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da discantato Visualizza Messaggio
    Io mi sto preparando a trasferirmi per l'inverno nella stessa loro città avendo capito che il padre è un impegno a tempo pieno.
    Esattamente. Meno male che l'hai capito.

    Citazione Originariamente Scritto da discantato Visualizza Messaggio
    Ora il problema è questo: continuando di questo passo corro il serio rischio di odiarlo ma se il suddetto giuda diventa il compagno fisso della mamma di mia figlia trovo inopportuno e problematico arrivare a desiderare una sua invalidità grave e permanente. come vi comportereste voi? Fra i lettori c'è qualche amico traditore che mi può aiutare a capire?
    Non puoi farci nulla. Se diventa il compagno della tua ex, dico. Se lo odi, lo odi e basta e per te sarà comunque tutto fiele. Quello che posso consigliarti, è cercare di stare vicino a tua figli quanto più puoi, perchè quando non ci saresti tu ci sarebbe lui, e se già straparla adesso, figurati che effetto potrebbe avere su di lei nell'eventualità diventasse l'amico della madre.

  6. #6
    Escluso
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    ER
    Messaggi
    25,267
    Inserzioni Blog
    40
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da discantato Visualizza Messaggio
    Piccolo riassunto della mia storia: ormai quasi sei anni fa, mentre lei è incinta, ho una tentazione che è valsa come un tradimento. Segue una prematura e avventata riconciliazione, nasce la bimba e le cose vanno avanti, deteriorandosi, per un pò. Ci trasferiamo e le cose peggiorano, il rancore e la mia stupidità se la mangiano dall'interno fino a quando arriva il di lei tradimento. Non dura molto (causa anche la distanza) ma la porta a mettere una pietra sul nostro rapporto. Io, come sempre in questi casi, comprendo una tonnellata di errori fatti ma ormai fuori tempo massimo. Per un pò lei resta nella mia stessa città trovandosi un toyboy.Questo ormai due anni e mezzo fa. Un anno dopo, concausa il lavoro, torna nella sua città con la bimba che fino a quel momento, pur in case diverse, abbiamo continuato a seguire equamente. Io, non potendomi ritrasferire su due piedi, per un anno faccio su e giù. Negli ultimi sei mesi riprovo a ricomporre con più decisione, salgo a pasqua e quindi un mese dopo il compleanno della bimba. In tutto questo marasma trovo appoggio e conforto da un amico (quelli che ti ascoltano, consigliano, vacanze insieme etc...) ma quest'ultima volta sono ospite a casa della mamma dove c'è anche il mio amico che momentaneamente sta senza casa. Due giorni dopo il mio arrivo lui mi dice che "si è innamorato" e che da un po è intimo con la di me ex (mentre lei continua a ripetere che non si sente in grado di legarsi con nessuno) e comincia a straparlare su mia figlia. Mando giù il rospo, organizzo la festa con la mamma tentando di non scompensare troppo quindi vado ospite da altri amici. A lui chiedo di lasciarmi stare e, soprattutto di evitare di parlare a cazzo di mia figlia. Lui però continua a cercarmi e straparlare fino a quando sbrocco e ci meniamo. Li per li sembriamo esserci capiti, io qui e tu li. Adesso sono tornato con mia figlia alla mia città dove passeremo le vacanze. Io mi sto preparando a trasferirmi per l'inverno nella stessa loro città avendo capito che il padre è un impegno a tempo pieno. Con lei quindi ho ridotto e focalizzato il rapporto su nostra figlia e, tutto sommato, come si dice qui, non mi capita troppo spesso di andare in embolo. Lui invece mi sta facendo ammattire, continua a cercarmi come se nulla fosse successo. Se chiedo spiegazioni mi risponde che tanto "stavo già bevendo il calice amaro" e se mi permetto di dire che ogni azione ha la sua conseguenza quindi di andarsene affanculo si risente, salvo poi tornare alla carica due giorni dopo. Ieri l'ultima.

    Ora il problema è questo: continuando di questo passo corro il serio rischio di odiarlo ma se il suddetto giuda diventa il compagno fisso della mamma di mia figlia trovo inopportuno e problematico arrivare a desiderare una sua invalidità grave e permanente. come vi comportereste voi? Fra i lettori c'è qualche amico traditore che mi può aiutare a capire?
    cazzo, hai trovato un facocero. Credevo esistessero solo femmine. Perdonami la battuta... Io ti consiglierei di parlarne alla tua ex, senza emboli. Dille che lei della sua vita può ovviamente fare quello che vuole, la sei tu il padre della bambina e quell'altro non è nessuno. Ma scusa... cosa vuol dire che straparla di tua figlia? in che senso?

  7. #7
    Scemo chi legge
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    piemonte
    Messaggi
    11,693
    Inserzioni Blog
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da discantato Visualizza Messaggio
    Piccolo riassunto della mia storia: ormai quasi sei anni fa, mentre lei è incinta, ho una tentazione che è valsa come un tradimento. Segue una prematura e avventata riconciliazione, nasce la bimba e le cose vanno avanti, deteriorandosi, per un pò. Ci trasferiamo e le cose peggiorano, il rancore e la mia stupidità se la mangiano dall'interno fino a quando arriva il di lei tradimento. Non dura molto (causa anche la distanza) ma la porta a mettere una pietra sul nostro rapporto. Io, come sempre in questi casi, comprendo una tonnellata di errori fatti ma ormai fuori tempo massimo. Per un pò lei resta nella mia stessa città trovandosi un toyboy.Questo ormai due anni e mezzo fa. Un anno dopo, concausa il lavoro, torna nella sua città con la bimba che fino a quel momento, pur in case diverse, abbiamo continuato a seguire equamente. Io, non potendomi ritrasferire su due piedi, per un anno faccio su e giù. Negli ultimi sei mesi riprovo a ricomporre con più decisione, salgo a pasqua e quindi un mese dopo il compleanno della bimba. In tutto questo marasma trovo appoggio e conforto da un amico (quelli che ti ascoltano, consigliano, vacanze insieme etc...) ma quest'ultima volta sono ospite a casa della mamma dove c'è anche il mio amico che momentaneamente sta senza casa. Due giorni dopo il mio arrivo lui mi dice che "si è innamorato" e che da un po è intimo con la di me ex (mentre lei continua a ripetere che non si sente in grado di legarsi con nessuno) e comincia a straparlare su mia figlia. Mando giù il rospo, organizzo la festa con la mamma tentando di non scompensare troppo quindi vado ospite da altri amici. A lui chiedo di lasciarmi stare e, soprattutto di evitare di parlare a cazzo di mia figlia. Lui però continua a cercarmi e straparlare fino a quando sbrocco e ci meniamo. Li per li sembriamo esserci capiti, io qui e tu li. Adesso sono tornato con mia figlia alla mia città dove passeremo le vacanze. Io mi sto preparando a trasferirmi per l'inverno nella stessa loro città avendo capito che il padre è un impegno a tempo pieno. Con lei quindi ho ridotto e focalizzato il rapporto su nostra figlia e, tutto sommato, come si dice qui, non mi capita troppo spesso di andare in embolo. Lui invece mi sta facendo ammattire, continua a cercarmi come se nulla fosse successo. Se chiedo spiegazioni mi risponde che tanto "stavo già bevendo il calice amaro" e se mi permetto di dire che ogni azione ha la sua conseguenza quindi di andarsene affanculo si risente, salvo poi tornare alla carica due giorni dopo. Ieri l'ultima.

    Ora il problema è questo: continuando di questo passo corro il serio rischio di odiarlo ma se il suddetto giuda diventa il compagno fisso della mamma di mia figlia trovo inopportuno e problematico arrivare a desiderare una sua invalidità grave e permanente. come vi comportereste voi? Fra i lettori c'è qualche amico traditore che mi può aiutare a capire?

    Desiderare la sua invalidità grave e permanente e un conto ma deve rimanere un desiderio ....
    Non puoi imperdire la loro frequentazione ...cerca di costruire un bel rapporto con tua figlia ....sii presente.....

    Ma farneticava in che senso?
    ti può sembrare una persona pericolosa?

  8. #8
    Utente orsacchiottiforme L'avatar di Daniele
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    8,898
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da lunapiena Visualizza Messaggio
    Desiderare la sua invalidità grave e permanente e un conto ma deve rimanere un desiderio ....
    Non puoi imperdire la loro frequentazione ...cerca di costruire un bel rapporto con tua figlia ....sii presente.....

    Ma farneticava in che senso?
    ti può sembrare una persona pericolosa?
    Se ti sembra una persona pericolosa dillo alla tua ex, tua figlia viene prima delle sue scopate.

  9. #9
    Super Zitella Acida L'avatar di Eliade
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    10,174
    Inserzioni Blog
    21
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da perplesso Visualizza Messaggio
    Nel dubbio rimenalo finchè non capisce quale ruolo sia il suo
    Istintivamente direi QUOTO!

  10. #10
    Super Zitella Acida L'avatar di Eliade
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    10,174
    Inserzioni Blog
    21
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da discantato Visualizza Messaggio
    Ora il problema è questo: continuando di questo passo corro il serio rischio di odiarlo ma se il suddetto giuda diventa il compagno fisso della mamma di mia figlia trovo inopportuno e problematico arrivare a desiderare una sua invalidità grave e permanente. come vi comportereste voi? Fra i lettori c'è qualche amico traditore che mi può aiutare a capire?
    Tanto per incominciare, ignoralo. Cambia numero e impoi alla tua ex di non farlo arrivare a lui.
    Desiderare non è ne inopportuno ne problematico.

Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura