User Tag List

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25

Discussione: Rassegnata?

  1. #1
    Non Registrato
    Ospite

    Exclamation Rassegnata?

    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.

  2. #2
    Escluso
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    ER
    Messaggi
    25,267
    Inserzioni Blog
    40
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.
    Caspita... benvenuta intanto. Del tuo racconto mi ha colpito una cosa: non è tanto determinante l'avvenuto tradimento o meno, ma il fatto che tra voi due è, ad un certo punto, venuta a mancare la comunicazione e lui ha creato una sorta di rapporto esclusivo con un'altra persona. Quando dici che ora la vostra vita è solo l'ombra di quello che era, parli delle tue sensazioni nel dubbio di essere stata tradita o di una conclusione alla quale siete giunti entrambe?

  3. #3
    Escluso
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    3,446
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.
    Ciao!

    Non è senza un qualche senso di desolazione profonda che noto sprigionarsi un drama intimo fondato su flebilissime basi, così come un leggero vento, una brezza direbbe qualcuno, sembra essere, nella mente non veritieramente ispirata, non solo il possibile lontano treludio della tempesta, ma il grandinata secca e con chicci grandissimi che ha già distritto venmtitrè anni di raccolto floridissimo facendo, tra l'altro, ricacciare nello stomaco tutta la fame che, nutrendosi di quei raccolti, mai siera patita.
    Tutto quello che dimandavi ti è stato concesso, tutte le certezze che hai sono malignazioni dettate dall'animo impuro che altro non concepisce, di quello che egli contiene, anche negli altri e l'infelicità che viene dal mancamento è cagionata dalla tua infidità manifesta piuttosto che dalla sua infedeltà coperta.
    Purifica il tuo pensiero!
    E non guardare la luce con occhi coperti!
    Tanto non vedresti che il buoi che solo risiede dietro alle tue palpebre!

    Prove, servono prove!
    Le chiacchiere sono per gl'innamorati!
    E tu non lo sei più!

  4. #4
    Super Zitella Acida L'avatar di Eliade
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    9,711
    Inserzioni Blog
    21
    Mentioned
    30 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.
    Mi spiace moltissimo, però non h ben capito, puoi spiegare meglio come il loro rapporto inficiava sul tuo matrimonio?

  5. #5
    Utente Affezionato
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    201
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Rabarbaro Visualizza Messaggio
    Ciao!

    Non è senza un qualche senso di desolazione profonda che noto sprigionarsi un drama intimo fondato su flebilissime basi, così come un leggero vento, una brezza direbbe qualcuno, sembra essere, nella mente non veritieramente ispirata, non solo il possibile lontano treludio della tempesta, ma il grandinata secca e con chicci grandissimi che ha già distritto venmtitrè anni di raccolto floridissimo facendo, tra l'altro, ricacciare nello stomaco tutta la fame che, nutrendosi di quei raccolti, mai siera patita.
    Tutto quello che dimandavi ti è stato concesso, tutte le certezze che hai sono malignazioni dettate dall'animo impuro che altro non concepisce, di quello che egli contiene, anche negli altri e l'infelicità che viene dal mancamento è cagionata dalla tua infidità manifesta piuttosto che dalla sua infedeltà coperta.
    Purifica il tuo pensiero!
    E non guardare la luce con occhi coperti!
    Tanto non vedresti che il buoi che solo risiede dietro alle tue palpebre!

    Prove, servono prove!
    Le chiacchiere sono per gl'innamorati!
    E tu non lo sei più!
    sono d'accordo con questo pensiero

  6. #6
    Utente Epico L'avatar di The Cheater
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    cittadino del mondo ma abitante nel profondo sud attualmente!!!
    Messaggi
    2,428
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.
    raccontaci invece cosa c'è dietro...cioè, farsi un'amante è una cosa ma lui qui ha cercato e trovato una persona che lo stimasse e apprezzasse...ha cercato qualcosa che a casa NON HA e solitamente riguarda il sesso o nuova passione ma in questo caso, a mio parere ben più grave dopo tanti anni, cercava qualcuno che lo facesse sentire importante...

    ...che gli hai fatto a sto cristiano???

    (fermo restando che "pranoterapia e bioenergia" non si può sentire...che si facessero una canna...)
    ...I'm just a poor boy nobody loves me...

    ..all that we learned this time, is carried beyond this life...

    ...I was blinded by a paradise, utopia high in the sky...

  7. #7
    Scemo chi legge
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    piemonte
    Messaggi
    11,693
    Inserzioni Blog
    75
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Mi spiace per te ...
    ma da ciò che scrivi sei tu che ti sei creata tutto nella testa...
    Ti stai facendo tu il bello e il cattivo tempo...

    adesso perchè non lo ami più?

  8. #8
    Utente Figo L'avatar di ferita
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.
    Ciao, quando scopri un tradimento (seppur non consumato) difendi l'amore di tuo marito con le unghie e con i denti e la gelosia ti uccide...ma quando lui ritorna da te perchè (forse) ha scelto te non è più lui, non lo riconosci e non lo vuoi più. Però rimani, seppur soffrendo molto, e sei disposta a sacrificare il resto della tua vita per i figli, per motivi economici e per la paura di rimanere sola.
    Condivido tutto, anche se con immensa tristezza.

  9. #9
    Heroiken Sturmtruppen L'avatar di Quibbelqurz
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Bologna, Italy
    Messaggi
    11,888
    Inserzioni Blog
    8
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Non Registrato Visualizza Messaggio
    ho amato tantissimo mio marito,ho condiviso con lui veramente ricchezza e povertà,salute e malattia,gli sono stata fedele e avevo piena fiducia in lui.poi dopo 23 anni di matrimonio, nella nostra vita entra l'amica del cuore,sua,telefona continuamente,lo invita a cena,parlano a lungo al telefono di nulla, pensare che mio marito odia il telefono.A questo punto vado in crisi,chiedo spiegazioni e lui mi tratta malissimo,come oso sospettare di lui,per lui è come una sorella,possibile che io non capisca che è solo un'amica tanto depressa e bisognosa di sostegno.Dimenticavo i due si intrippano di pranoterapia e bioenergia e io scema lo incoraggio,aprono insieme uno studio,fallimentare,lei lo riempie di complimenti e adulazioni è il suo guru, la guida senza la quale lei non sa come fare ecc.Vado a parlare con lei con tutta calma le spiego che il suo comportamento invadente stà creando problemi all'interno della nostra famiglia e le chiedo di contenersi con l'unico risultato che se prima avveniva tutto alla luce del sole,poi hanno continuato di nascosto.Cerco in tutti i modi di far ragionare mio marito,ma senza risultati,io sono la cattiva che distrugge la sua vita mentre l'altra va capita ed accettata,oltre al fatto che non c'è niente di male in questo rapporto.
    Alla fine hanno lasciato perdere,non so per iniziativa di chi dei due,ma con la convinzione da parte di mio marito di aver rinunciato alla sua felicità per colpa mia. Da quel momento non sono più riuscita ad amare mio marito come prima,non ho prove se il tradimento sia stato o meno consumato,ma mi sento ugualmente tradita,alla storia dell'amicizia pura non credo,primo perchè è difficile,se non impossibile, per un uomo stare accanto a una bella donna che ti adora,senza provare alcun desiderio,ma sopratutto perchè se fosse stata davvero solo un'amicizia si sarebbe comportato come con un amico maschio,lui non cerca quasi mai i suoi amici,tantomeno li tempesta di telefonate e messaggi adolescenziali del tipo: sei il mio amico,ti sento vicino,sono felice di averti conosciuto,ti voglio bene ecc.
    Ora la nostra vita è solo l'ombra di quell'amore che è stato,soffro per quello che abbiamo perso e in questo momento nuovi tradimenti sarebbero comprensibili,mi sono rassegnata a vivere in questa opacità,per i figli, per motivi economici e per paura di rimanere sola,ma quanto è difficile.
    Sento che la vita vissuta assieme a tuo marito ti ha convinto di poterlo possedere, e la mancanza di questo possesso genera in te lo smarrimento di cui soffri.

    Comprendo perfettamente il tuo stato di animo sia prima che dopo, ma penso se ridimensioni i tuoi diritti su di lui, nulla è andato perso, né per te né per lui.

    Che l'entrata in scena della sua amica del cuore lo abbia cambiato, lo devi accettare, perché pur avendoti sposato, non puoi pretendere che lui non abbia amiche, come lui non potrà pretendere che tu non abbi amici. Non puoi neanche chiedere che tutto torni come prima, perché tutto si evolve, e non succede mai nulla senza motivo. Ma i motivi per cui succedono determinate cose non ti devono essere per forza conosciute né devi sentirti in colpa di averli causati.

    Se nella tua vita hai sempre dato il tuo meglio per realizzare te e tua famiglia, non hai nulla di cui rimproverarti. E' tutto nelle tue mani, e con la cura con cui proteggi e maneggi il contenuto ti viene ripagato cento e mille volte ciò che hai seminato.
    ________________________________________
    Quibbelqurz era il clone dispettoso di Admin

    Il portafogli con cui si paga la spesa affettiva non è pieno della stima che si ha per sé, ma di quella che si ha per gli altri. (Rabarbaro)

  10. #10
    Escluso
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    3,446
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Quibbelqurz Visualizza Messaggio
    Non puoi neanche chiedere che tutto torni come prima, perché tutto si evolve, e non succede mai nulla senza motivo. Ma i motivi per cui succedono determinate cose non ti devono essere per forza conosciute né devi sentirti in colpa di averli causati.

    Se nella tua vita hai sempre dato il tuo meglio per realizzare te e tua famiglia, non hai nulla di cui rimproverarti. E' tutto nelle tue mani, e con la cura con cui proteggi e maneggi il contenuto ti viene ripagato cento e mille volte ciò che hai seminato.
    Qurz, de te fabula narratur?
    Ci sono momenti in cui non ci accorge neppure che qualcosa è così diverso da non avere neppure parole per descriverlo, in quegli stessi momenti ci si ritrova in posa, una posa dignitosissima, che però non è quella della statua di un qualsiasi imperatore romano, ma è piuttosto quella di quel che resta di un uomo che si mostra scomposto in una pagina dell'atlante anatomoco di Vesalio.
    Allora non ci si mostra tutti interi, levigati dallo sguscio sapiente e da cento mani che hanno sfregato con paglia bagnata per renderci lucidi, e neppure trasparenti, come tante volte ci piacerebbe essere, quando siamo stanchi o ancor più quando siamo disordinati, dentro e fuori, ma ci si scompone a strati, come nell'anatomia delle cipolle, come nella svestivione di una cavalere, o come nella dissezione di un cadavere illustrata in un teatro anatomico.
    Quelle volte però sono tutte per noi, noi che di solito sfuggiamo, che siamo e non siamo, a seconda del tempo, del luogo o della convenienza, e noi siamo per loro, come quando ci si trova a finire di corsa un gelato che era in congelatore da mesi e che scadrà l'indomani.
    C'è del paradossale nel sentire che l'unico modo per ribellarsi al destino è sottomettersi a lui, per rubargli gli strumenti e sabotarlo dall'interno, e lui, il destino sorride mentre viene dilaniato, perchè a questo serviva, a farci da guscio contro il resto della vita, quella degli altri, ed invece di farci forti di lui, a più riprese l'abbiamo colpito dall'esterno, facendoci male, proprio dove è invulnerabile, mentre dentro, ed era così facile entrarci, c'erano mille cuscini e mille spade, per colpire e riposare, e poi colpire ancora.

    Invulnerabile est non quod non feritur, sed quod non laeditur!

    Sì, sono proprio questi, quei momenti.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura